Riallocati 6.416.986 euro del Fondo Anticrisi 2010 e stanziati 700.000 euro per i sussidi a favore delle persone con disabilità

January 27, 2012 at 7:58am

Sono state approvate oggi dalla Giunta due delibere per riassegnare i residui del Fondo Anticrisi 2010, per un totale di 6.416.986 euro. I provvedimenti sono a firma congiunta dell’assessore alle Politiche per il Lavoro, Sviluppo economico, Università e Ricerca Cristina Tajani e dell’assessore alle Politiche sociali e Servizi per la Salute Pierfrancesco Majorino

 

La Giunta ha deciso di destinare con urgenza i residui del Fondo Anticrisi a sostegno delle situazioni di maggiore gravità. Tale decisione è stata presa in considerazione della pesante contingenza economica in cui si trovano l’Italia e Milano. Le difficoltà riguardano, in particolare, molte famiglie cui è venuta a mancare una fonte di reddito a causa della perdita dell’occupazione e i giovani, per i quali è sempre più difficile inserirsi nel mondo del lavoro.

 

Il Fondo Anticrisi è diviso in due parti: una prima (con uno stanziamento di 2.250.000 euro da parte dell’assessorato alle Politiche per il Lavoro) ha l’obiettivo di sostenere l’occupazione tenendo conto dei risultati conseguiti attraverso le misure fino ad oggi adottate. Saranno quindi istituiti nuovi bandi di incentivazione alle assunzioni e alle stabilizzazioni di precari (1 milione di euro); inoltre saranno creati Fondi di garanzia per facilitare l’accesso al credito bancario per le nuove imprese (800mila euro) e tutelati e incentivati gli ‘stage di qualità’ (450mila euro).

 

La seconda parte del Fondo Anticrisi è destinata al sostegno al reddito delle persone e delle famiglie. Con uno stanziamento di 4.166.985,66 euro la delibera dell’assessore alle Politiche sociali istituisce un fondo unico flessibile per soggetti in difficoltà occupazionale dovuta alla crisi e per spese connesse all’acquisto della prima casa e dell’affitto. Il contributo fino a 5mila euro viene erogato a chi ha un reddito Isee inferiore a 25mila euro ed è sposato o risulta coabitante nello stato di famiglia per sussistenza di vincolo affettivo al 1° gennaio 2012.

 

Un nuovo stanziamento di 700mila euro per i sussidi a favore delle persone con disabilità è stato poi approvato oggi dalla Giunta, che ha integrato anche i criteri di accesso alle prestazioni di sostegno economico, garantendo maggiori risorse per le situazioni più gravi.

 

Coerentemente con uno degli obiettivi fondamentali sanciti dalla Convezione delle Nazioni Unite per i diritti delle persone con disabilità – Convenzione recepita dal Comune di Milano nel luglio scorso – particolare attenzione è rivolta alla promozione e allo sviluppo degli interventi per il mantenimento delle persone disabili nel proprio domicilio.

 

Il provvedimento approvato dalla Giunta e illustrato dall’assessore alle Politiche sociali e Sevizi per la Salute Pierfrancesco Majorino, individua le diverse tipologie di sussidio per le quali sono stati perfezionati i criteri di accesso: interventi integrativi del reddito, sussidi a sostegno della persona (buoni sociali per il mantenimento al domicilio e per il sostegno alla vita autonoma e indipendente; buoni sociali per interventi socio-educativi diurni), buoni sociali per progetti residenziali, sussidi straordinari e sussidi per il sostegno alla mobilità.