Photos
Posts
No automatic alt text available.
Bruno Magatti

Ecco cosa scrive oggi La Provincia sul tema barriere (lo condivido per poi chiudere visto che non recede di un millimetro la stucchevole farsa messa in scena da...lla maggioranza alla quale regaleremo ventose per rendere loro più facile l'arrampicarsi sui vetri!).
Invito a leggere, rileggere e ancora rileggere (in fondo all'articolo) le parole dell'onorevole vicesindaco!

See More

Sappia il sindaco che l’abbattimento delle barriere architettoniche è un processo in corso da anni, non lo scopre né lui né io: trovo patetica la sua volontà di... affermare una priorità, evocare “tempi non sospetti” (ma cosa dice ??!!).
È comunque un problema se un sindaco non capisce che un Consigliere comunale ha il “DOVERE-DIRITTO” di farsi promotore di proposte, particolarmente quando è in approvazione il documento che individua le azioni dell’amministrazione (Documento Unico di Programmazione).
Come dichiarato in Consiglio, mi sono fatto promotore di indicazioni e richieste precise dell’associazione “Comodalbasso”.
Il sindaco, il cui voto è stato determinante, si assuma la responsabilità di aver detto un “No” tanto incomprensibile quanto stonato e non cerchi di sfuggire all’errore fatto evocando una immotivata “strumentalità” (???) o definendo “fuori luogo” una proposta avanzata esattamente nel momento in cui erano in approvazione gli obiettivi programmatici dell’anno.

See More
Politica VIDEO Mario l’inedito tra alleati scomodi, ex assessori e l’annuncio (prematuro?): “Non mi ricandido” Scritto da Davide Cantoni 20 Mar22:36 como mario landriscina Camice e fascia tricolore non si indossano insieme, non sempre almeno. Medico e sindaco son mestieri diversi. Almeno per...
comozero.it
Posts
Image may contain: text
Image may contain: text
Image may contain: text
Bruno Magatti added 3 new photos.

Ho chiesto al Consiglio Comunale di inserire nel Documento di Programmazione (DUP) l’abbattimento di alcune specifiche barriere architettoniche facendomi porta...voce delle indicazioni elaborate da “Como dal basso”, associazione già componente di quella “Consulta della disabilità” che dopo nove mesi l’attuale Amministrazione non ha mai ritenuto di avviare (come neppure le altre tre !!)
.
Trattandosi di un’associazione composta da persone con disabilità, che “abitano la città” ogni giorno e per tutto il giorno, “Como dal basso” ha saputo indicare interventi concreti e mirati di sistemazione di marciapiede e attraversamenti pedonali (delle vie Varesina, Canturina, Bellinzona, Cosenz, Frigerio, Palestro, Moro, Sirtori e Manzoni, nelle piazze del Popolo, e Sant’Agostino, sull lungolario Trieste, nei viali Geno, Battisti e Lecco) , dell’attraversamento dei binari della ferrovia tra viale Battisti e viale Lecco, del raccordo tra viale Lecco e l’accesso al Municipio, degli accessi alla biglietteria delle autolinee ASF e alla funicolare Como-Brunate. Si trattava, quindi, della richiesta semplice e costruttiva di mettere in programma interventi nei luoghi che persone in carne e ossa, cittadine e cittadini non solo disabili, quotidianamente sperimentano critici.

Il buon senso faceva presagire una condivisione sicura, forse addirittura un “grazie”, con l’impegno condiviso ad assicurare una pronta risposta.

Nulla di tutto ciò. Il sostegno dei Consiglieri di Civitas, M5S, PD, Civica e di tre consiglieri di Fratelli d’Italia non è stato sufficiente e la proposta è stata respinta, addirittura (nella seconda votazione che si è resa necessaria dopo un primo “pareggio”) con il voto del Sindaco in persona!!

A distanza di qualche giorno ecco la classica “excusatio non petita” che cerca (a posteriori) di motivare ciò che, agli occhi di un cittadino qualsiasi, è semplicemente incomprensibile.
Leggiamo che la proposta è definita “inutile” (!), si annuncia un “futuro” Piano per l’eliminazione delle barriere per mezzo di una commissione coordinata dal Segretario generale (a bilancio ci sono 50.000 €) e l’ascolto di stakeholders che però non sembrano essere i cittadini disabili della città che hanno già parlato, né le loro associazioni per il cui “ascolto” lo Statuto del Comune prevede quelle specifiche “Consulte” che l’amministrazione invece ignora.
Nel comunicato la proposta è detta “pretestuosa”: quale sarebbe la finalità occulta ?
A meno che non si voglia credere che, paradossalmente, la proposta fosse il pretesto per far emergere esattamente questo volto grigio e triste di un’amministrazione ogni giorno sempre più incapace di dialogo, di progetto e di qualità politica!

(Nelle immagini l'elenco delle barriere architettoniche abbattute dall'amministrazione precedente)

See More

respinta la proposta di abbattimento di alcune barriere architettoniche elaborata da "Como dal basso" e presentata da Civitas

Ci sono #barriere da abbattere, soprattutto nella testa delle #persone. #como #civitas.Barriere architettoniche

Barriere architettoniche by redazione · Published 14 marzo 2018 · Updated 14 marzo 2018 Sono i fatti che parlano Civitas, attraverso il suo consigliere comunale, Bruno Magatti, si è fatta promotrice di alcune proposte da inserire nel Documento Unico di Programmazione 2018-2010, documento che indi...
t.co
Bruno Magatti is with Raffaele Grieco and 5 others.

Nella città di Como lo spazio assegnato per i manifesti di LOMBARDIA PROGRESSISTA è contrassegnato dal numero 5.

Se vi capita, fatevi un giro e date un’occhiata... per vedere cosa campeggia, in queste ultime ore, negli spazi n. 5: c'è chi ha diligentemente provveduto a COPRIRE i manifesti di LOMBARDIA PROGRESSISTA con i propri.

Qualcuno sbandiera le parole d’ordine del rigore e della durezza, da applicare, naturalmente, ad altri da sé!!

LOMBARDIA PROGRESSISTA si impegna nella salvaguardi dei diritti e nella promozione della cultura del dovere, prima di tutto “morale”, di CONTRIBUIRE a costruire una società giusta e rispettosa di tutti e di tutto.

See More

Se VOTI IN PROVINCIA DI COMO devi SOLTANTO mettere la croce sul simbolo arancione di Lombardia Progressista e scrivere accanto la preferenza (MAGATTI). Se vuoi puoi dare una seconda preferenza, ma solo "femminile"' (scelta, quindi, tra Vaccarella, Bonanomi e Rudisi).

Image may contain: 2 people, people smiling, suit and text
Lombardia Progressista Como

ALLE ELEZIONI REGIONALI DEL 4 MARZO

VOTA ARANCIONE
VOTA LOMBARDIA PROGRESSISTA - SINISTRA PER GORI

...

AIUTATECI A COLORARE LA LOMBARDIA DI ARANCIONE, CONDIVIDETE!

Chi siamo?
Una rete di esperienze politiche, associative laiche e cattoliche, culturali, progressiste, democratiche, ecologiste e civiche.
L’ambizione è quella di unire la buona politica alle buone politiche, ovvero quelle che redistribuiscono ricchezza e opportunità in un Paese ancora molto fermo e ingiusto. Per farlo è necessaria una grande coalizione sociale che metta al centro i diritti delle persone; il diritto al lavoro e i diritti di chi lavora, il diritto al reddito e quello al vivere in un ambiente sano, i diritti civili di ciascuno di poter vivere e morire liberamente, potendo determinare le scelte sulla propria vita, i diritti di cittadinanza.

A chi ci ispiriamo?
Alle buone politiche dell'amministrazione Pisapia a Milano, alcuni esempi:

 la revoca del piano di governo del territorio approvato dalla precedente giunta Moratti, promuovendo nuove linee guida improntate alla sostenibilità e alla riduzione dell'edificabilità.

 costituzione dell'Area C, corrispondente alla cerchia dei bastioni, con l'obiettivo di ridurre traffico e inquinamento nel centro città nonché favorire il trasporto pubblico e la mobilità sostenibile: in questo senso vengono sviluppati il bike sharing e il car sharing assieme, dal 2015, al primo servizio di scooter sharing in Italia.

 Completati progetti di riqualificazione urbana come Porta Nuova, Citylife, Portello, Darsena e Fondazione Prada, svolgimento di Expo 2015 ed avvio in in esercizio della linea metropolitana M5.

Le rilevanti trasformazioni che interessano Milano nel quinquennio di amministrazione Pisapia portano la stampa italiana e internazionale a parlare di «rinascita» del capoluogo lombardo.

FINALMENTE SI PUÓ con #LOMBARDIAPROGRESSISTA

See More

Anche a Como manifesti strappati o coperti da altri.

No automatic alt text available.
Lombardia Progressista - Sinistra per Gori is with Chiara Cremonesi.

Sotto la vernice che copre questi manifesti c'è il simbolo di Lombardia Progressista - Sinistra per Gori e la sua capolista.
Domenica alle #Regionali2018, per non consegnare la #Lombardia alla destra, non è necessario impegnarsi così tanto.
È sufficiente una X sul simbolo.

FEB26
Mon 9:00 PM UTC+01Como - Villa GalliaComo, Italy
98 people interested
Image may contain: 1 person
Image may contain: 1 person
Image may contain: text
Bruno Magatti added 3 new photos.

Continua l'impegno politico per il "buon lavoro": è un dovere porre una barriera a ogni deroga ai compensi e alla tutela dei diritti di chi svolge mansioni ed e...roga servizi per conto della pubblica amministrazione. Parliamo di uno spettro ampio di servizi, che comprendono anche quelli di cura delle persone (minori, anziani e malati ...)

See More

I cittadini lombardi, il 4 marzo prossimo, eleggeranno il nuovo governo della regione Lombardia.
Lombardia Progressista, sinistra per Gori, mette a disposizione idealità, competenze ed esperienze perché ai cittadini sia data la possibilità di esprimere un voto che “conta”: nella coalizione di centrosinistra la presenza di Lombardia Progressista, sinistra per Gori, è, infatti, decisiva per l’esito finale.
Il nostro contributo caratterizzerà la cultura di governo della regione, e quindi le scelte riguardanti l’ambiente, la salute, il lavoro, la casa e l’inclusione sociale e risulterà decisivo per il futuro dell’Italia e dell’Europa.

Image may contain: text
Lombardia Progressista - Sinistra per Gori

Domani, 2 Febbraio le candidate e i candidati di 'Lombardia Progressista - Sinistra per Gori' si presentano ai cittadini.

Per contribuire a battere le destre e ...migliorare la qualità della vita dei cittadini, #Lombardia Progressista ha costruito , a sostegno di Giorgio Gori, un programma innovativo e condiviso.
Programma che sarà portato avanti in tutte le provincie da un insieme di candidature di sinistra, civiche, rappresentative dei territori, delle realtà associative, della società civile, dell'impegno politico e sociale con l'obiettivo di incidere concretamente sui futuri indirizzi di governo della Lombardia.

Assieme a Giuliano Pisapia vi attendono domani alle 12,30 in Corso Buenos Aires 59 Angolo Via Petrella a Milano.

See More

PIAZZA SAN ROCCO E MIGRANTI: ESASPERARE LE SITUAZIONI E NON AFFRONTARLE.

Ciò che accade da qualche tempo in piazza S. Rocco si presta a molte letture, compresa una comparazione con la situazione al parco della stazione dell’estate 2016.
Alcune delle persone che si ritrovano in piazza S. Rocco sono ospiti del centro governativo gestito poco lontano dalla CRI e dalla CARITAS per conto della Prefettura; altre alloggiano di notte nel dormitorio comunale (la cui gestione è affidat...

Continue Reading
Image may contain: one or more people, tree, plant and outdoor

Qualche volta è sufficiente sentirsi parte dello stesso sistema per ridurre al minimo le criticità

No automatic alt text available.
Image may contain: 1 person
Bruno Magatti per Como added a post from June 27, 2017 at 2:00am to their timeline.

Ovunque, in queste amministrative 2017, ha vinto il centrodestra, in una giornata caratterizzata da un’astensione mai vista prima,.
Ovunque ha vinto con le stesse parole: sicurezza, ordine, famiglia. Dietro le quinte il tema migranti e le guerre tra poveri.
Al PD vanno le maggiori responsabilità e l’invito a trarne le conseguenze. Si è dimenticato in fretta il referendum del dicembre scorso, che aveva liquidato l’ipotesi renziana del partito unico per ridare spazio a modelli ...

Continue Reading
Bruno Magatti per Como added a post from June 23, 2017 at 12:00am to their timeline.

Fino all'ultimo. Ieri mattina, come sempre nell'ombra, sono stato attivamente presente in Prefettura in veste di assessore alle politiche sociali al tavolo territoriale. Ho dato, come sempre, il mio contributo di analisi, visione e proposta nei riguardi delle problematiche dei cittadini stranieri presenti da anni nel nostro territorio. Su questi temi, come sulle condizioni di vulnerabilità sociale presenti nella nostra città, ho maturato solida competenza e grande consapevole...zza fondate su una conoscenza non parziale ma accurata e diretta dei problemi e delle situazioni e su un'analisi delle criticità. Ho lasciato il mio contributo, la mia visione e le mie proposte in vista della costruzione delle soluzioni più efficaci a problematiche connesse ai temi del lavoro (precarietà, disoccupazione, sfruttamento, sottooccupazione), dell'alloggio (morosità, sfratti, sovraffollamento, condizioni igieniche, etc.), della scolarizzazione di minori e adulti, dell'integrazione... Sono temi seri e complessi che non si affrontano né con l'improvvisazione né con i buoni sentimenti, ma con una rielaborazione non retorica o strumentale di ciò che accade e una visione di ciò che è necessario fare per costruire una società nuovamente consapevole e quindi in grado di prevenire, con scelte politiche adeguate, esiti umani e sociali devastanti, costi personali ed economici Concludo: nulla di tutto ciò ha nemmeno sfiorato la campagna elettorale, perché siamo in una realtà virtuale che decide di che cosa si deve parlare e come se ne deve parlare.

See More

Ancora, nei giorni scorsi come tante volte in questi anni, sono stato accanto e mi sono fatto carico della fatica di una marginalità​ disperata.
In questi anni ho ascoltato​, avvicinato, sostenuto e accompagnato moltissime di queste situazioni, mettendo a disposizione me stesso, prima ancora che le mie competenze e gli strumenti per navigare nel labirinto delle "regole" e dei diritti.

Queste sono le persone che possono dire di avermi davvero incontrato, i miei veri compagni di strada di questi anni.

Bruno Magatti per Como added a post from June 17, 2017 at 5:00am to their timeline.

Con Gianfranco Garganigo in questi anni di "strada" insieme si era consolidata amicizia e stima reciproca. Oso dire "confidenza". Ci conoscemmo, molti anni addietro. nei tempi in cui fu Presidente del Consiglio di Istituto del Liceo Giovio. Poi la politica, l'impegno nel sociale, la comune volontà di alimentare di "pensiero" lo spazio civico e del volontariato, l'idea, condivisa in spazi diversi, di operare per l'educazione permanente degli adulti, la ricerca di una prospettiva nuova per l'età anziana, gli incontri, i convegni, le riflessioni scambiate. Sento, dentro di me, la sua voce, risuonano i pensieri, condivisi solo qualche sera fa, come una sollecitazione a continuare per quelle stesse strade.