Marco Magrini is on Facebook.
To connect with Marco, sign up for Facebook today.
Current City and Hometown
About Marco
  • Marco Magrini inizia l'avventura nel mondo della musica fin da bambino. A nove anni (1972) chiede ai suoi genitori di comprargli quello che sarebbe stato il suo primo disco:"Angie" dei Rolling Stone. Da quel momento inizia a collezionare vinili e oggi vanta una discoteca davvero completa.
    Nel 1978 nel pieno boom "Disco",Marco ancora studente liceale rimane affascinato dalla tecnica del mixaggio e dai primi suoni della Disco e del Philly Sound, grazie anche ad un suo carissimo amico Bruno Ployer, un dj che a quei tempi lavorava in una delle tantissime radio private capitoline (Radio Luna).

    E' amore a prima vista.
    Marco, con il suo amico dj, inizia ad imparare i primi rudimenti di quella che poi sarebbe diventata la passione della sua vita. Acquisisce tecniche di mixaggio, cultura musicale ed esperienza. Frequenta i locali più in voga di quel periodo e ruba, con gli occhi, l'abilità ed i trucchi del mestiere ai grandi Dj già affermati, primo frà tutti Marco Trani considerato da lui uno tra i migliori, se non il migliore, sia nella tecnica che nel gusto musicale. Quel gusto Funky e Black che più si avvicinava e si avvicina tutt’oggi al suo.

    Come avviene nella maggioranza dei casi, all'inizio della carriera di un dj, le prime esperienze sul campo si fanno suonando alle feste private degli amici e successivamente, tramite il passa parola, si continua alle feste di chi ha apprezzato selezione musicale e tecnica. Marco è proprio così che comincia ed entra ufficialmente nel "giro" dei dj.

    Nel 1983 ha il suo primo ingaggio. Viene infatti contattato dal proprietario del Clubbino a S.Nicola Arcella (Cosenza), una splendido Club a picco sul suggestivo golfo di Policastro. Inizia così una collaborazione , come resident, che lo vedrà impegnato per ben tre stagioni.

    La professionalità, la bravura e la capacità di emozionare la gente trasmettendo il suo amore per la musica, fanno si che altri gestori e proprietari di diversi clubs del sud Italia, richiedano le sue prestazioni. Marco inizia a collaborare in locali esclusivi tra i quali: Shark (Cs), Asteria Club (Cs.) Santo Janni (Pz).

    A metà degli anni novanta abbandona momentaneamente la scena dei Clubs per dedicarsi esclusivamente a feste ed eventi privati in tutta la penisola.

    Siamo alla fine degli anni '90 e Ibiza, Parigi, Londra e New York sono tappe obbligate per chi come Marco è in continua ricerca di ritmi e sound innovativi da proporre e far conoscere. È proprio in questo periodo che un nuovo genere musicale va velocemente affermandosi e trova innumerevoli consensi proprio nei paesi visitati dall'ormai affermato dj. Si comincia a parlare di Lounge e Chill Out, un genere o meglio un contesto musicale caratterizzato dalla morbidezza dei ritmi e dall'assenza di aggressività, che tende ad essere utilizzato come sottofondo nei locali più raffinati del mondo. Marco ne rimane affascinato e fa immediatamente sua questa nuova musica, tanto che è uno dei primi dj che la propone in Italia attraverso i propri set realizzati durante eventi esclusivi quali sfilate di moda e feste di alta rappresentanza.

    E' un periodo quello alla fine degli anni 90 di grande cambiamento musicale, e grazie all'opportunità di poter suonare nella maggior parte dei casi in locali e location esclusive lontane dal circuito commerciale, può proporre tutta quella musica, in quel momento poco conosciuta, e se vogliamo anche perchè no sperimentale, la quale poi si evolverà nel genere Chill House - Deep - e Soulful.

    Nel 2007 si riavvicina al mondo dei Club ed inizia una nuova avventura che lo porta a suonare in tutta Italia: Milano (Vogue Club), Sorrento (Il Sogno Club), Villa Divinae (Vietri), solo per citarne alcuni.
    Negli anni successivi inizia una collaborazione che ancora oggi continua, con colui che era stato il suo maestro di un tempo, Marco Trani con il quale suona in molti e importanti eventi nella Capitale.

    Nello stesso periodo collabora con altri mostri sacri della scena romana quali Corrado Rizza, Paolo Micioni e Franco Sciampli.

    A Roma suona in molti eventi privati e in diversi Club tra i quali: Joia Club - Open Gate - Egon Club - Kristal Club - La Luna - Jaskira Club - Distillerie Clandestine - Art Two Club - Studi di Cinecittà (Paolo Bonolis) - Aleph Hotel Boscolo I Professionisti - Acquario Romano - Latte Più Club - Salaria Sporting - Villa Miani - Sogno del Mare (Fregene) Castello Odescalchi (Bracciano) etc...

    Dal 2009 al 2012 collabora come resident con il Soho Club. In molte occasioni suona in coppia con Andrea Torre (Radio Globo) e Stefano Capasso.

    Contemporaneamente prosegue la sua attività come DJ per feste ed eventi esclusivi ed in tali circostanze Marco ama dire: "grazie a questi contesti riesco finalmente a dare quelle emozioni, altrimenti impossibili da comunicare nel circuito dei locali commerciali."
    È proprio in queste occasioni che può suonare la sua musica preferita: la Deep House e la Soulful.

    Spesso descrivendo quello che per lui è l'essenza di questo genere dice: “Ascoltarla è innamorarsi di line di basso profonde e fluide, di lento funk e beat soffici e scuri, con accordi di jazz atmosferici e melodie seducenti. Ti fa sognare grazie a testi significativi e ritmi sensuali dove il livello di energia scende verso un ritmo più dolce e confortevole, spesso rivitalizzando il dance floor fino all'alba. La deep House è uno stile lussurioso ricco di groove dedicato a tutti i romantici e agli amanti della musica elegante."
    Quella musica "elegante" che ha sempre cercato, e cerca a tutt'oggi di proporre, ove e quando possibile, in tutti i suoi dj set.
    Dj Set che chiaramente all'occorrenza, e a secondo della situazione, possono a richiesta spaziare a 360 gradi, dalla Disco 70 - 80 alla House Classic fino ad arrivare alla Happy e alla Dance commerciale di oggi.
    MS
Favorite Quotes
  • No favorite quotes to show

Favorites